(ANSA) – CASIER, 01 AGO – Un migrante gambiano di 26 anni, ospite dell’ex caserma Serena a Casier (Treviso), è stato arrestato stamani dopo aver aggredito un medico e un’infermiera all’interno della struttura, danneggiando un pc e alcune brandine. Nei suoi confronti vengono ipotizzati i reati di resistenza a pubblico ufficiale, atti di violenza e danneggiamento.
    Il giovane, negativo al Coronavirus, è entrato in una sala del centro, dapprima minacciando il personale poi strattonando il medico e distruggendo il pc e una stampante che l’infermiera stava utilizzando per gli screening agli ospiti del centro.
    Alla vista degli agenti, il giovane ha cercato di fuggire, prendendo due spranghe di metallo e brandendole verso il dirigente del servizio di ordine pubblico e degli altri poliziotti, che lo hanno però bloccato e arrestato.
    Ulteriori accertamenti sono in corso per capire se il cittadino gambiano abbia preso parte ad altri episodi di danneggiamento registrati nei giorni scorsi nell’ex caserma.
    (ANSA).
   

L’articolo originale lo trovi cliccando qui